Tutti gli eventi di giugno a Milano (in aggiornamento)

This article is also available in: Italiano

Una lista in continuo aggiornamento in cui troverete tutti gli eventi di giugno e dell’ultima settimana di maggio a Milano legati alle tematiche di Medio Oriente e Dintorni

29 maggio

Turkmodernità (Talk-cultura)

«Cosa vuoi che ne sappia io della Corea del Nord», ha risposto sua nonna a Eleonora Sacco, che cercava di spiegarle con il classico paragone verso quale paese dell’Asia centrale stesse per partire. Ma l’assenza di libertà di stampa e di criminalità, le sperimentazioni sovietiche disastrose e visionarie, i deliri kitsch sovradimensionati, in marmo e oro, e il culto della personalità dei suoi dittatori postmoderni bastano a rendere il Turkmenistan la «Corea del Nord dell’Asia Centrale»?

Insieme a storie di crateri di metano infuocato che bruciano ininterrottamente dagli anni ’70, libri sacri turkmeni lanciati nello spazio ed eredità sovietiche ne discuteranno Eleonora Sacco di Kukushka Tours, Gianluca Pardelli di Soviet Tours e Mattia Salvia, membro della spedizione e editor di Iconografie XXI. Tre punti di vista competenti e appassionati, capaci di raccontarci senza orientalismi e stereotipi il presente di un paese ancora sconosciuto. Dalle 18.30 al Nuovo Armenia

DREAM’S GATE (Cinema)

Dream’s Gate è un documentario d’osservazione in cui la regista iraniana Negin Ahmadi inizia un viaggio personale nella zona di combattimento della Siria settentrionale per interrogarsi su cosa significhi essere una donna. Sola con la sua telecamera, decide di cercare una risposta alle sue domande incontrando le donne che incarnano il mito contemporaneo più forte della forza e della libertà femminile: Le combattenti curde. La ricerca personale e le lotte interiori si trasformano in un intimo diario femminile scritto in prima persona. Seguire, condividere, testimoniare la vita di queste altre donne curde mette in discussione l’immagine che la regista ha di sé e del costo dell’uguaglianza e della libertà in questa difficile regione.
Dalle 21.30 al Nuovo Armenia

AFGHANISTAN: LA VIA DELLA SPERANZA (Talk-Cultura)

Il ritorno al potere dei talebani nell’agosto 2021 ha sconvolto l’Afghanistan e ridotto gli spazi di libertà per le donne. Ma Selene Biffi, arrivata nel Paese per la prima volta nel 2009 come cooperante, anche in questo nuovo contesto tanto complicato, riesce a sostenere la microimprenditoria femminile tramite l’associazione She Works for Peace, da lei stessa fondata due anni fa. Ha così potuto realizzare un laboratorio per la pasta fatta in casa, una helpline telefonica di consulenza alle micro-imprese e una “biblioteca degli attrezzi”, dove le donne possono prendere in prestito i materiali necessari al loro lavoro.

Durante la serata, Selene racconterà la sua esperienza e quella di tante donne afghane che hanno deciso di non arrendersi. Verrà inoltre presentato da Isabella Doniselli Eramo il volume “Afghanistan: crocevia di culture” (Luni editrice), pubblicato a seguito del convegno organizzato dalla Biblioteca del Pime e da ICOO (Istituto di Cultura per l’Oriente e per l’Occidente) nel giugno 2022. Dalle 18.30 al Centro Pime

30 maggio

TRIO MANDILI (Musica)

Una moderna fiaba caucasica. La polifonia tradizionale georgiana è eseguita con delicatezza da cantanti donne.

Le loro voci magiche, come ruscelli che scendono dalle montagne, penetrano nel cuore … Qualche anno fa tre affascinanti ragazze georgiane sono “esplose” nel World Wide Web e sono diventate delle star. Questa “favola” è iniziata il giorno in cui tre amiche, durante una passeggiata in paese, hanno deciso di cantare una canzone. Tatuli ha realizzato un video selfie e lo ha caricato su Internet. Questo video ha cambiato radicalmente la vita delle ragazze. Nel giro di due settimane il video è stato visto da un pubblico di milioni di persone. La popolarità del “Trio Mandili” cresce ogni giorno e si esibisce in tutto il mondo. Dalle 20.30 al Legend Club

GLI ORSI NON ESISTONO (Cinema)

Due storie d’amore parallele. Due storie in cui gli amanti vengono osteggiati dalle forze della superstizione, dalle meccaniche del potere e da ostacoli nascosti e inevitabili. “Gli orsi non esistono” di Jafar Panahi, vincitore del Premio speciale della giuria a Venezia79, è stato girato da remoto, è un film nel film articolato in due spazi: il paesino di frontiera in cui Panahi si è stabilito per dirigere le riprese a distanza (via computer) e il set della docu-fiction che è ambientata in Turchia, dove una coppia di dissidenti iraniani tenta di acquistare dei passaporti falsi per entrare in Europa, dopo dieci anni di tentativi falliti. Un film che non è solo cinema ma anche, e soprattutto, protesta ed immenso coraggio. Mai la censura, le manifestazioni anti regime, il carcere, le torture, erano stati nominati tanto esplicitamente in un’opera iraniana. Dalle 21.30 al Nuovo Armenia

1 giugno

Sfida all’Islamofobia (Talk-Cultura)

È con grande piacere invitarvi al prossimo evento di OAN! L’evento vuole trattare da diversi punti di vista un tema molto importante per la nostra comunità: l’Islamofobia.

Vi aspettiamo quindi numerosi e non dimenticate di segnalare la vostra presenza al link sul titolo (posti limitati). Dalle 10 alle CAM Garibaldi

Kurdistan Lab con Bahar (Cultura-Talk)

Vieni a scoprire i sapori della cucina del Kurdistan attraverso un corso di cucina pratico e divertente. Bahar ti guiderà alla scoperta della cucina curda utilizzando eccedenze alimentari per completare le ricette.

Durata: circa 3 ore
Cosa cucinerai:Piatto principale : Tepsi baytinijan con pane Naan
Bevanda: Chai tea
E poi? A fine corso degusterai il frutto del tuo lavoro assieme agli altri partecipanti.

Dalle 11 in Laboratorio in Via Giovanni Battista Piazzetta 2

Balleremo A-Lot (Musica)

Here we go again. With still vivid images of the March party, we are finally ready to invite you to our next one. Saturday, June the 1st will be a pretty long day. This time, we are opening up our dancefloor from 1PM to 4AM additionally foodtrack and other exhibitors will accompany the hours of the event. So many friends will join us for this event, that we don’t even know where to start. Two booths, nine sets, 15 hours of music with no boundaries. Two sides of the same spectrum.

While the sun is still shining, on the outdoor stage Balleremo Sound System will warm up the day before leaving the decks to Kalax and Emmoko who are gonna drive us to the dusk and night. With the sunset, our beloved Naoto Sound System will get back to life. Aeery b2b biased and FLVXXX b2b Dj Ankles – straight from our bolognese friends’ collective Mentalita’ – will be only the appetizer for what is set to be a massive dinner. On the bill, with his symbiose between east and west, we are thrilled to host Bader, our Syrian brother whose bass heavy patterns merge with his own musical heritage from the MENA region. And dulcis in fundo, the event of the night: DJ Pitch and Simkin will share the decks for two hours for their All Centre showcase. Representing the label with them, Alec Pace, head of Early Reflex and pure italian techno/bass gem from Turin. Ortensio will take care of the closing.

Bader: Having a Libyan mother and a Syrian father, Bader spent his youth between Benghazi & Damascus. He grew up listening to Libyan tagaza majrouda rhythms and Syrian classical music. His brother DJ Khalil was one of the pioneers in the MENA region who fused his musical heritage with hip hop beats. As a youth Bader was always passionate about art, especially visual arts. When Bader moved to Belgium he studied photography and became a videographer and visual artist, working for numerous artists & brands. Through his work as a digital content creator for Voem, he started curating Yalla nightlife events in Ghent; bringing the cream of the crop of the alternative MENA music scene to Belgium: artists as 3Phaz, Toumba, Muskila, Cheb Runner, Asifeh, Renata and Big Murk. At the same time Bader started dj’ing and producing music with Yalla Soundsystem together with his colleague Acid Ponch. His sound can be described as a symbiose between east and west: bass heavy patterns merge with his own musical heritage from the MENA region. One thing’s for sure: Bader kills dancefloors without any compromise. Yalla Soundsystem has a residency at Funke & Chinastraat and hosts a monthly radio show on the Paris based channel Radio Flouka. Dalle 13 alle Fucine Vulcano

BookLab “Gaza. Dopo il 7 ottobre” con Gad Lerner e Widad Tamimi (Talk-Cultura)

Gaza. Dopo il 7 ottobre: odio e amore per Israele

di e con Gad Lerner (Feltrinelli, 2024) assieme a Widad Tamimi (scrittrice). Modera Jacopo Tondelli. Dalle 18 alla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

Arash Stand-up comedy in Persian (Show)

استندآپ کمدی فارسی (بالای ۱۸) . From 20 at Slow Mill

6 giugno

Arca Radio: Gee Up – Brain Drain (Musica)

Arca Radio x Brain Drain

LINE-UP:

Alassane live

Federica Messaggeri

Open Air Party, Free Entry From 18 at Arca

CIAO MEDIOEVO: Il ballo come forma di lotta (Talk-Cultura)

Il ballo è una forma di lotta: la musica e i corpi danzanti creano comunità resistenti e inclusive che trainano il cambiamento. In questa talk di CIAO MEDIOEVO, l’evento in cui VD incontra per la prima volta la sua community dal vivo, scopriamo esperienze di protesta dove si libera il corpo, per fare rumore senza usare (solo) la voce.

Ospiti: Selam Tesfai, Georgia Taglietti, Enrico Petrilli, Lotta. Dalle 19.45 al BASE

Noir Casablanca (Cinema)

Noir Casablanca, film diretto da Kamal Lazraq, ci trasporta nel cuore di Casablanca e segue la storia di Hassan (Abdellatif Masstouri) un trafficante coinvolto in affari illeciti per conto di Dib (Abdellah Lebkiri), il capo dell’organizzazione criminale locale. Quando il cane di Dib viene ucciso in un brutale combattimento, Hassan viene incaricato di rapire un uomo coinvolto nella morte dell’animale. Deciso a portare a termine il compito assegnatogli, coinvolge suo figlio Issam (Ayoub Elaid). Ma ciò che sembrava un piano ben pianificato si trasforma presto in una notte piena di pericoli e imprevisti, in cui padre e figlio si trovano intrappolati senza sapere cosa li aspetti.

Disponibile in tutti i migliori cinema

7 giugno

100 Afriche (Musica, Talk, Cultura)

Musica, danze, teatro, cultura, moda, arte, cucina, viaggi, solidarietà, laboratori creativi… Due giorni di festa per adulti e bambini. Il programma completo sul loro sito, prossimamente una selezione degli eventi consigliati da Medio Oriente e Dintorni.

Dalle 16 di venerdì 7 giugno al Centro Internazionale di Quartiere (Via Fabio Massimo 19).

8 giugno

CONQUISTIAMO IL FUTURO: L’intelligenza artificiale e l’Islam in Italia (Talk-Cultura)

È con grande entusiasmo che annunciamo il nostro prossimo evento, il PROMUSTALK: “Conquistiamo il futuro: l’Intelligenza Artificiale e l’Islam in Italia”. Il Promustalk sarà diviso in due parti: nella prima Anass El Fares ci parlerà del potere, le opportunità e il futuro dell’AI! Tutto questo in un entusiasmante talk dal nome: “Esplorare il potere dell’AI: quale futuro per l’intelligenza umana”

Nel secondo Inés El Gataa ci parlerà di come decifrare l’AI nel contesto islamico! Tutto questo in un entusiasmante talk dal nome: “Decifrare l’AI: Fondamenti e applicazioni nel Contesto Musulmano”. Dalle 14.30 allo Spazio Pin

10 giugno

SARURA – THE FUTURE IS AN UNKNOWN PLACE (Talk-Cinema)

Alle porte del deserto del Negev, un gruppo di giovani palestinesi si oppone all’occupazione militare israeliana, cercando di restituire alla propria gente le terre sottratte alle loro famiglie, ristrutturando l’antico villaggio di grotte di Sarura. Dieci anni dopo il loro primo documentario, Tomorrow’s Land, i registi Nicola Zambelli e Andrea Paco Mariani tornano sono tornati negli stessi luoghi per continuare a raccontare la lotta nonviolenta in Cisgiordania.

In apertura Francesco Chiodelli, professore in geografia economico-politica presso l’Università di Torino, introdurrà i temi della colonizzazione e del displacement in Cisgiordania. Alla proiezione seguirà un dibattito in compagnia del regista Nicola Zambelli. L’evento è organizzato con ADI Milano, Marco Peverini e Federica Rotondo. Dalle 18.30 allo Spazio B

14 giugno

Magic Garden (Musica)

Un giardino pieno di sorprese ti aspetta per vivere un’esperienza unica: benvenuti nel Magic Garden!
Vieni a scoprire il meglio della musica contemporanea immerso nella natura: dalla disco e house di Folamour e Jayda G, al rock psichedelico degli Altin Gün fino all’elettronica sperimentale di Omar Souleyman, Mall Grab e Dj Seinfeld assieme a tanti altri. Dalle 18 al Circolo Magnolia

Cineforum in albanese – Lulëkuqet mbi mure (Papaveri rossi sui muri) (Cinema-Talk)

Il Cineforum in lingua albanese presenta “Lulëkuqet mbi mure” (Papaveri rossi sui muri), il primo di una lunga serie di film che Slow Mill ha intenzione di proiettare per diffondere la cultura cinematografica albanese in Italia.

TRAMA:
Albania, durante l’occupazione italiana del 1939-1943. I giovani residenti di un orfanotrofio sono costretti dal direttore a pulire le scritte antifasciste dai muri. Quattro amici, Jaçe, Lelo, Bardhi e Tomi organizzano la caduta dalle scale del loro perfido guardiano. Perseguitati dal guardiano e oppressi dal direttore i giovani cercano di ribellarsi essendo anche difesi e ispirati dal loro professore.

“Papaveri rossi sui muri” è considerato uno dei più famosi e riusciti film dell’Albania comunista. Il regista Dhimitër Anagnosti per il suo contributo nel cinema, ha ricevuto la medaglia “Artista del Popolo”. Dalle 21 allo Slow Mill

15 giugno

Quasi solo-Eternal (Danza-Cultura)

Un corpo che danza ha la capacità di diventare un elemento di ribellione contro un sistema politico radicale.
Eternal concentra la sua attenzione sul corpo nel periodo della Primavera Araba, un movimento politico che si oppone ai sistemi sociali e politici esistenti in Medio Oriente e in Nord Africa. Durante le proteste nascono gesti simbolici e danze che inconsciamente influenzano con grande intensità gli individui che prendono parte alla rivolta, movimenti ritmici e sincronizzati creati per opporsi all’autorità.
Che cosa succederebbe se questi gesti venissero astratti dal loro contesto? Che relazione instaurano con la musica, il tifo e i canti rivoluzionari?
Dalle 21 in Via Giulio Cesare Procaccini, 4, 20154 Milano MI

16 giugno

La domenica elettronica (Musica)

Ogni Domenica ha una storia da raccontare.
Ogni Domenica Elettronica non è mai identica alle precedenti e la prima della stagione ha sempre un sapore particolare.
È quella che ci regalerà nuove emozioni già provate, è quella che ci godremo come fosse tutto nuovo, in un parco vestito d’estate, sotto un cielo fatto di raggi di sole e di stelle. È la prima e la festeggiamo con due luminari del clubbing come Helena Hauff e Ogazon e tre underground music heroes: DJLMP, Richey V e Turbolenta. Dalle 15 al Circolo Magnolia

Quattro figlie + talk con Kaouther Ben Hania (Cinema-Talk)

Straordinario esperimento cinematografico che esplora i confini tra realtà e finzione per ricostruire il percorso che ha portato due adolescenti a entrare nelle fila dell’Isis, Quattro figlie (Four Daughters) è l’ultimo lungometraggio di Kaouther Ben Hania, regista e sceneggiatrice tunisina con due candidature Oscar all’attivo. Dal sorprendente dialogo tra attori e personaggi reali di una complessa storia drammatica scaturisce un film intimo, avvincente e sorprendente, che racconta le speranze disilluse della Tunisia post primavera araba e il sistema di oppressione di cui sono vittime le donne nel paese.

Presentato in concorso al Festival di Cannes del 2023 dove ha vinto il Golden Eye Award, Quattro figlie (Four Daughters) si è aggiudicato ventuno premi internazionali, tra cui quello come miglior documentario ai César del 2024. Candidato all’ultima edizione degli Oscar come miglior film documentario.

Segue una conversazione tra la regista Kaouther Ben Hania e Paolo Moretti. Dalle 20.45 al Cinema Godard- Fondazione Prada

20 giugno

FORAGERS (Cinema)

L’ultimo film dell’artista americana di origine palestinese Jumana Manna racconta il conflitto tra le autorità israeliane responsabili dei parchi e delle riserve naturali e il popolo palestinese, in particolare donne e anziani, che raccolgono nei campi piante selvatiche commestibili. Girato sulle alture del Golan, in Galilea e a Gerusalemme, attraverso l’utilizzo di fiction, documentario e filmati d’archivio, Foragers mostra scene di inseguimenti tra i raccoglitori e le pattuglie israeliane, momenti di difesa nelle aule del tribunale e momenti in cucina. Le restrizioni proibiscono ad esempio la raccolta del carciofo ‘akkoub e dello za’atar (timo) e hanno portato a multe e processi per centinaia di persone, sorprese a raccogliere queste piante autoctone. Con un velo di ironia Jumana Manna racconta come queste leggi costituiscano per i palestinesi un’ulteriore forma di alienazione dalla loro terra, parla della resistenza del suo popolo nel difendere le proprie tradizioni in opposizione all’atteggiamento dei rappresentanti dello stato israeliano che insistono sulla loro competenza scientifica e sulla necessità di proteggere la natura. Partendo dal semplice gesto di raccogliere piante selvatiche, il film solleva importanti interrogativi di tipo politico sull’assurdità dell’occupazione israeliana.
Dalle 21.30 al Nuovo Armenia (disponibile anche il 23 giugno allo stesso orario)

27 giugno

LE BLEU DU CAFTAN (Cinema)

Halim è un sarto talentuoso con una bottega nella medina di Salé, una delle più antiche città del Marocco, dove vive in compagnia della moglie Mina che lo aiuta anche in negozio. Il loro rapporto è stretto e affettuoso, benché debba sopportare tanto una malattia che affligge Mina quanto l’omosessualità nascosta di Halim. L’arrivo di Youssef, un giovane apprendista molto attento a studiare le tecniche di Halim, porta novità nella routine consolidata della coppia, in un periodo scandito dalla cucitura di un bellissimo caftan blu per una cliente con poca pazienza.
Dalle 21.30 al Nuovo Armenia (disponibile anche il 3 luglio alla stessa ora)

Quattro figlie (Cinema)

Nell’aprile 2016, i media si interessano alla vicenda di Olfa Hamrouni, una madre tunisina le cui due figlie maggiori, le adolescenti Rahma e Ghofrane, un giorno scompaiono, partite per la Libia per unirsi l’ISIS dopo essersi radicalizzate.

Disponibile in tutti i migliori cinema

28 giugno

From India With Laughter – Milano – Stand up Comedy Special in English (Show)

Ever wanted to visit India to find yourself? We’ve got an idea, Milano! Join us on 28 June (Friday) for an epic comedy night where you’ll find yourself…laughing non-stop!

“From India With Laughter” is a brilliant night of top English standup comedy featuring 2 of India’s finest comedians. Ram Arangi (featured on BBC and Flagrant), and Simar Singh (featured on Forbes) are bringing you a standup comedy special that’ll light up the city of Milano with laughs. With over 15 million views, these award winning comedians have sold out comedy tours across the Europe & Asia – it’s time they bring their best jokes to Milano. So you’re in for a night of non-stop laughter with stellar comedians! From 20 at Slow Mill

Manca qualcosa? Errare è umano, segnalamelo su Instagram o nel canale Telegram e, se effettivamente era in tema e me lo ero perso, sarò lieto di aggiungerlo

 Seguimi su facebook, Spotify, YouTube e Instagram, oppure sul canale Telegram; trovi tutti i link in un unico posto: qui. Ogni like, condivisione o supporto è ben accetto e mi aiuta a dedicarmi sempre di più alla mia passione: raccontare il Medio Oriente ed il “mondo islamico”

Leave a Reply