“Arabilioso”, Antologia di futurismo arabo

This article is also available in: Italiano

“Arabilioso” è un’antologia di 9 racconti in grado di farvi scoprire come si sta sviluppando la fantascienza nel mondo arabo

Arabilioso

La fantascienza araba è in gran parte sconosciuta a livello internazionale, per questo motivo Arabilioso si propone di farvi scoprire nove storie che appartengono a cinque autrici e quattro autori provenienti da Bahrain, Egitto, Iraq, Giordania, Libano, Palestina e Siria. Tra i temi ricorrenti delle storie ci sono gli effetti delle nuove tecnologie sulla società araba, profondamente radicata nella vita comunitaria e lontana dall’individualismo occidentale, come pure l’ansia per le devastazioni prodotte dall’emergenza climatica oppure la nostalgia per un passato che, seppure difficile e travagliato, è ancora in grado di assicurare radici culturali e identità ai personaggi.

Antologia di futurismo arabo

Future Fiction torna a stupire con una nuova antologia di racconti fantascientifici, questa volta provenienti dal mondo arabo, area da sempre regina di Medio Oriente e Dintorni. “Arabilioso”, nello specifico, è una raccolta di 9 racconti (e due parti di natura più saggistica) che in appena 228 riesce a farci viaggiare nelle suggestioni provenienti da buona parte dell’universo arabo, rendendo anche palesi le differenze fra le rispettive letterature nazionali.

Arabilioso

Impossibile non notare, ad esempio, come il racconto iracheno sia quello dai tratti più splatter, caratteristica tipica delle opere di autori quali Hassan Blasim, mentre quello giordano (firmato Fadi Zaghmout) sia legato soprattutto alla novità tecnologiche nella vita di tutti i giorni. Per un riassunto sintetico dei singoli racconti vi invito ad ascoltare il podcast dedicato, ma in generale “Arabilioso” può essere considerato un ottimo punto di partenza per chi si approccia per la prima volta alla fantascienza araba, diventando de facto un centro direzionale in cui orientarsi per scoprire nuove suggestioni, fantasie e letterature.

In un momento come questo, caratterizzato da forti tensioni sociali e proteste (non sempre consentite dai vari governi), la fantascienza risulta essere uno dei modi più efficaci per immaginare mondi nuovi e per provare a denunciare la realtà trasformandola in fantasia; ora più che mai è arrivato il momento di approcciare questo genere, in modo da non farsi trovare impreparati nell’immediato ed imminente futuro.

Seguimi su facebook, Spotify, YouTube e Instagram, oppure sul canale Telegram; trovi tutti i link in un unico posto: qui. Ogni like, condivisione o supporto è ben accetto e mi aiuta a dedicarmi sempre di più alla mia passione: raccontare il Medio Oriente ed il “mondo islamico”

Leave a Reply