Kharfi, Turbolenta Leila e Nooriyah illuminano Milano

This article is also available in: English

Venerdì 3 maggio è una data che verrà ricordata a lungo dai milanesi grazie a della musica incredibile e 3 dj d’eccezione: Kharfi, Turbolenta Leila e Nooriyah

Kharfi e Turbolenta Leila, le stelle di Milano

La serata inizia alle 23 al Nepentha, con Kharfi che inizia ad accendere il pubblico con melodie che piano piano mettono in moto le gambe e cominciano a prepararle ad un salto in nuove dimensioni. La sua allegria è contagiosa e fra le sue movenze e la musica la scena si riscalda sempre di più, pronta a far entrare la regina della musica araba a Milano: Turbolenta Leila.

Turbolenta Leila con il suo immancabile “Allah Allah ya Baba”

Per la più grande dj maghrebina di Milano abbiamo ormai finito gli aggettivi e nel frattempo l’energia sale e sale, coinvolgendo ogni angolo del locale e portando sempre più in alto l’atmosfera. Turbolenta è una calamita per le orecchie e per le gambe, tanto che diversi amici, stregati dal suo sound, iniziano ad avvicinarsi sempre di più alla consolle con in testa nient’altro se non la sua magia; ma il momento di massimo apice deve ancora arrivare.

Nooriyah, la super guest star

Dopo il suo meraviglioso Yababa, Leila cede il microfono ed il trono a Nooriyah in un passaggio di testimone che pare uno scambio di corone fra chi ha appena conquistato tutta l’Italia e chi si è già presa il mondo; due artiste molto simili per musicalità e che faranno parlare a lungo di sé per le decadi a venire. I ritmi di Nooriyah assomigliano al paradiso, con sonorità tanto intense e potenti da mandare in trance ogni spettatore e farlo ballare fino all’alba.

Nooriyah

La sua arte e tanto forte da far dimenticare tutto ciò che si ha intorno, amici e compagnia compresa, facendo provare al pubblico la vera ebrezza del ballo del movimento, magia unica ancor più potente dell’alcool. Nel suo repertorio si incrocia musica egiziana, indiana, saudita, irachena, siriana, libanese e palestinese, ma la profondità a cui sono collegate e la mancanza totale di un vero e proprio stacco fra i vari brani lo trasformano in un mare di perle in cui è impossibile distinguere quale delle gocce è la più bella, e portando il pubblico a gustare tutto il mare nella sua sfrenata essenza.

Grazie Ora Milano

Gli unici momenti in cui Nooriyah decide di scendere a terra è quando chiedere al pubblico di urlare a gran voce “Free free Palestine”, innalzando i cuori e tirando fuori lato più puro ed umano tanto suo quanto della platea.

Kharfi

Un’esperienza davvero magica ed indimenticabile per cui dobbiamo fare i complimenti ad Ora Milano, è grazie a questa piccola, coraggiosa ed agguerrita organizzatrice di concerti se Milano ha davvero cambiato passo e musica (fra l’altro Ora Milano proprio in quella serata celebrava il suo primo anno di vita, non c’è mai stata serata migliore per festeggiare). Can’t wait for the next show.

Tutti video sono stati registrati da Ora Milano

 Seguimi su facebook, Spotify, YouTube e Instagram, oppure sul canale Telegram; trovi tutti i link in un unico posto: qui. Ogni like, condivisione o supporto è ben accetto e mi aiuta a dedicarmi sempre di più alla mia passione: raccontare il Medio Oriente ed il “mondo islamico”

Lascia un commento