Biografia di Mahmoud Darwish

This post is also available in: Italiano

In occasione della anniversario della nascita di Mahmoud Darwish, abbiamo deciso di tradurre in italiano la sua biografia presente in arabo ed in inglese nel sito della fondazione a lui dedicata

Biografia di Mahmoud Darwish

In occasione della anniversario della nascita di Mahmoud Darwish, abbiamo deciso di tradurre in italiano la sua biografia presente in arabo ed in inglese nel sito della fondazione a lui dedicata. Quella che vi porto è una banale traduzione ma penso ci sia davvero bisogno di diffondere quanto più possibile storie come la sua, specie nel nostro paese, ove la conoscenza del mondo arabo non è ancora così diffusa. Spero davvero che possiate apprezzare, a questo link trovate comunque il testo originale.

Nakba

Mahmoud Darwish è nato il 13 marzo 1941 nel villaggio di Al-Birweh in Palestina. Nel 1947, all’età di sei anni, lui e la sua famiglia furono espulsi dal loro villaggio sotto una pioggia di bombe. Si è ritrovato nei campi profughi nel sud del Libano con decine di migliaia di palestinesi, dopo che erano stati sradicati dalle città e dai villaggi della loro patria.

“Il primo villaggio libanese che ricordo era Rmeish. Poi abbiamo vissuto a Jezzine fino a quando è caduta la neve. Mentre vivevo lì, ho visto per la prima volta nella mia vita un’enorme cascata. Poi ci siamo trasferiti ad Al-Na’emah vicino a Damour. Ricordo molto bene quel periodo: il mare e i campi di banane. Avevo sei anni ma lo ricordo bene. I miei occhi hanno ancora memoria di quelle scene. Aspettavamo la fine della guerra per tornare nei nostri villaggi. Mio nonno e mio padre sapevano che non stava succedendo. Siamo tornati di nascosto con una guida palestinese che conosceva i sentieri segreti a nord della Galilea. Siamo stati a casa di un amico finché non abbiamo scoperto che il nostro villaggio Al-Birweh non esisteva più “.

Mahmoud Darwish

La famiglia Darwish ha trovato il loro villaggio distrutto. Al suo posto furono costruiti un moshav, Ahihud, e un kibbutz, Yas’ur. “Non potevamo tornare al nostro villaggio, quindi abbiamo vissuto come rifugiati in un villaggio chiamato Deir al-Asad nel nord. Siamo stati chiamati rifugiati e abbiamo avuto grandi difficoltà a ottenere il permesso di soggiorno, perché siamo entrati “illegalmente”, il che significa che eravamo assenti quando gli israeliani hanno registrato la popolazione palestinese. Il nostro status legale secondo la legge israeliana era “presente assente”, il che significa che eravamo presenti fisicamente, ma senza documenti. Le nostre terre sono state prese e abbiamo vissuto come rifugiati “.

Haifa

Darwish ha poi vissuto ad Haifa dopo che la sua famiglia si è trasferita in un nuovo villaggio chiamato Al-Jdaideh, dove possedevano una casa. Ha detto: “Ho vissuto ad Haifa per 10 anni e ho finito i miei studi liceali. Poi ho lavorato come redattore per il quotidiano Al-Itihad. Non mi è stato permesso lasciare Haifa per 10 anni – ero in residenza forzata. Abbiamo riavuto le nostre carte d’identità; all’inizio erano rosse, poi blu e le carte blu sembravano quasi permessi di soggiorno. Mi è stato proibito lasciare Haifa per 10 anni. Dal 1967 al 1970 non mi è stato permesso lasciare la mia casa. La polizia aveva il diritto di venire di notte e assicurarsi che fossi ancora a casa. Ogni anno sono stato arrestato e rilasciato senza processo. Alla fine, sono dovuto scappare. “

Mahmoud Darwish

Darwish si è unito al Partito Comunista Israeliano e ha lavorato nel dipartimento dei media del partito, compresi i giornali di proprietà del partito, Al-Itihad e Al-Jadeed. In seguito è diventato l’editore di Al-Jadeed. È stato accusato di attività ostili contro lo Stato di Israele. Fu braccato e detenuto cinque volte dalle forze israeliane: la prima nel 1961, e di nuovo nel 1965, 1966, 1967 e 1969. Ha vissuto in residenza forzata fino al 1970.

Mahmoud Darwish aveva idee non convenzionali sulla sua biografia. “In primo luogo, ciò che conta per il lettore della mia biografia sono le mie poesie. Si dice che ogni poesia musicale sia un’autobiografia, mentre un’altra teoria afferma che un lettore non ha bisogno di conoscere l’autobiografia di un poeta per comprendere e connettersi con la sua poesia. In secondo luogo, vorrei sentire che la mia autobiografia ha un vantaggio. Non ho bisogno di nascondere che la mia biografia è ordinaria. Non mi piace lamentarmi molto della vita personale e dei suoi problemi. Nemmeno io voglio mettermi in mostra. A volte un’autobiografia spinge una persona a mettersi in mostra, dove lo scrittore vede se stesso come una persona diversa. Ho scritto tratti della mia biografia in libri di prosa come “Diario di ordinaria tristezza” e “Cronache per l’oblio”, in particolare sulla mia infanzia e la Nakba “.

Mosca

Nel 1970, Darwish andò in Unione Sovietica per studiare. Darwish dice: “Il primo viaggio fuori dalla Palestina è stato a Mosca. Ero uno studente all’Istituto di scienze sociali. Non avevo una casa nel vero senso della parola, solo una stanza nel campus. Ho vissuto a Mosca per un anno. Mosca è stato il mio primo incontro con il mondo esterno. Avevo tentato di recarmi a Parigi prima, ma le autorità francesi mi hanno negato l’ingresso nel 1968. Avevo un documento israeliano, ma la mia nazionalità non era specificata. La sicurezza francese non si preoccupava di comprendere la complessità della causa palestinese, del perché avessi un documento israeliano con cittadinanza non specificata mentre dicevo costantemente che ero palestinese. Sono stato trattenuto in aeroporto per ore prima che mi riportassero in aereo nella mia patria occupata.

Mahmoud Darwish

Mosca è stata la prima città europea urbana in cui ho vissuto. Ho scoperto i suoi enormi monumenti, fiumi, musei e teatri. Quella che dovrebbe essere la reazione di un giovane quando si trasferisce da una residenza delimitata a un’enorme capitale! Ho imparato un po ‘di russo per gestire le mie faccende personali. Tuttavia, sono stato colpito dai problemi della vita quotidiana in Russia. Ha fatto evaporare nella mia mente l’idea che Mosca è il “paradiso dei poveri”, perché non l’ho trovato un paradiso per i poveri, come ci è stato insegnato. Ho perso i miei ideali di comunismo, il che mi ha fatto perdere la fiducia nel marxismo. C’era un enorme divario tra ciò che immaginavamo; l’idea ritratta dai media sovietici su Mosca e la realtà in cui vivevano le persone. La realtà era piena di privazioni, povertà e paura. Quando ho parlato con i russi ho sentito che parlavano in segreto. Oltre a questa paura, avevo la sensazione che il governo fosse ovunque. Questo ha trasformato la città di Mosca da una città modello a una città normale “.

Cairo

Darwish parla del Cairo, la seconda tappa dopo aver lasciato la sua patria, dicendo: “Andare al Cairo è stato uno degli eventi più importanti della mia vita personale. Al Cairo, ero sicuro della mia decisione di lasciare la Palestina e non tornare. Non è stata una decisione facile. Mi svegliavo dal sonno insicuro di dove fossi. Avrei aperto la finestra e vedendo il Nilo sarei stato sicuro di essere al Cairo. Ho avuto molti incubi, ma ero affascinato dall’essere in una città araba, con nomi di strade arabi, dove la gente parlava arabo. Inoltre, mi sono ritrovato a vivere tra i testi letterari che leggevo e dai quali ero affascinato. Dopotutto, sono praticamente un figlio della cultura egiziana e della letteratura egiziana. Ho incontrato gli scrittori che leggevo e che consideravo i miei padri spirituali come Mohamed Abdel Wahab, Abdel Halim Hafez e altri, scrittori affermati come Naguib Mahfouz, Yusuf Idris e Tawfiq al-Hakim. Non ho incontrato Taha Hussein o Umm Kulthum, ma mi sarebbe piaciuto tanto”.

Mahmoud Darwish

Ha aggiunto: “Sono stato grato a Mohammad Hassanein Heikal per avermi nominato al Salone letterario Al-Ahram; il mio ufficio era al sesto piano, insieme a Tawfiq al-Hakim, Naguib Mahfouz, Youssef Idris e Bent Al-Shate ‘. Tawfiq al-Hakim aveva il suo ufficio mentre il resto di noi ne condivideva uno. Ho stretto una bella amicizia con Mahfouz e Youssef, quei personaggi paradossali: Mahfouz era una persona precisa, molto attenta ai suoi impegni e agli appuntamenti. Veniva a una certa ora e partiva a una certa ora. Quando chiedevo: “Vuole un caffè, signor Najib?”, Guardava l’orologio prima di rispondere per capire se era l’ora del caffè o no. D’altra parte, Youssef ha avuto una vita caotica. Era un uomo brillante. Al Cairo, ho stretto amicizia con i poeti che amavo: Salah Abdel-Sabour, Ahmed Hijazi e Amal Denkul. Erano tra i miei più cari amici, insieme ad Al-Abnoudi. Mi sono avvicinato a tutti i poeti e scrittori che avevo amato. Il Cairo è stata una delle tappe più importanti della mia vita.”

Darwish

Al Cairo, la mia esperienza poetica ha subito una trasformazione, come se fosse iniziata una nuova era. Quando ero nella terra occupata, ero visto come un poeta della resistenza. Dopo la sconfitta del 1967, il mondo arabo avrebbe applaudito tutta la poesia e la letteratura provenienti dalla Palestina, cattiva o buona che fosse. Gli arabi scoprirono che all’interno della Palestina occupata esistevano arabi risoluti che difendevano i loro diritti e la loro identità. Le opere letterarie palestinesi hanno assunto l’apparenza di essere sacre, e quindi non gli è stata fatta alcuna critica letteraria generale. Di conseguenza, gli standard letterari arabi furono abbassati per la poesia della resistenza palestinese. Una delle poesie più importanti che ho scritto al Cairo è stata “Sarhan Drinks Coffee in a Café”, pubblicata sul quotidiano Al-Ahram e successivamente pubblicata nel libro di poesie, I Love You, I Love You Not “.

Beirut

“Dopo il Cairo, mi sono trasferito direttamente a Beirut. Ho vissuto lì dal 1973 al 1982. Porto ancora oggi una bella malattia chiamata nostalgia per Beirut. Non ne conosco il motivo. So che ai libanesi non piacciono tali elogi per la loro città. Ma Beirut ha un posto speciale nel mio cuore. Sfortunatamente, dopo aver vissuto a Beirut solo per pochi anni – che era un laboratorio di idee e un laboratorio per ideologie letterarie, intellettuali e politiche, che gareggiavano tra loro ma convivevano allo stesso tempo – la guerra iniziò, e pensai che il mio lavoro poetico andasse barcollando. Ritengo che il meglio di quello che ho scritto durante il mio soggiorno a Beirut sia stato That’s Her Image e This is the Lover’s Suicide. Ma la guerra ha portato spargimenti di sangue, bombardamenti, morte, odio e uccisioni … Tutto questo è apparso all’orizzonte di Beirut e lo ha offuscato. Alcuni dei miei amici sono morti lì e ho dovuto lamentarmi per loro. Il primo amico che ho perso è stato Ghassan Kanafani. Penso che la guerra civile in Libano abbia ostacolato molti dei progetti intellettuali e culturali a Beirut e causato la polarità e le lotte tra le persone. Dal suo inizio, vorrei esprimere ai miei amici e conoscenti il ​​mio pessimismo sugli esiti di questa guerra. Vorrei porre questa domanda: “Non potremmo, come palestinesi, essere stati coinvolti?” Ci sono state risposte ufficiali che dicevano: “Il ruolo dei palestinesi era di autodifesa e di combattere contro l’emarginazione. Ma abbiamo commesso un errore a Beirut quando abbiamo stabilito un para-stato all’interno di uno stato. Mi sono vergognato di fronte ai libanesi ai posti di blocco fatti dai palestinesi in terra libanese, chiedendo ai libanesi le loro carte d’identità. Ovviamente quelle azioni avevano spiegazioni e giustificazioni. Ma mi sono sempre vergognato. Mi pongo molte domande su queste questioni: “Cosa significa la vittoria in Libano?” Questa domanda mi preoccupava.

Mahmoud Darwish

Supponiamo di aver concluso e vinto la guerra, cosa significa questa vittoria? Occupare il Libano e dominarlo? Ero molto pessimista. Non ho scritto della guerra in Libano tranne che per la scrittura semi-critica.
Dopo la fine della guerra – la guerra palestinese-libanese, o la guerra civile, da una prospettiva imparziale – si potevano vedere gli effetti positivi delle interazioni palestinesi con la cultura libanese o delle interazioni libanesi con la causa palestinese. C’erano lati positivi. C’erano il Palestinian Research Institute, la rivista “Sho’on Felestiynia” (Palestinian Affairs), “Al-Karmel magazine” e altri. Ho sentito che la mia permanenza a Beirut sarebbe stata più lunga di quanto non fosse. Non mi vergognavo, perché mi sentivo un residente legale. Ma essere costretto a vivere in Libano contro la volontà dei libanesi attraverso la convivenza forzata, mi dava fastidio. Quando la leadership e i combattenti palestinesi hanno lasciato Beirut, io non me ne sono andato. Sono rimasto a Beirut per alcuni mesi. Non mi aspettavo che gli israeliani occupassero Beirut. Non trovavo senso nel partire sulle navi con i caccia. Ma una mattina, quando vivevo ad Al-Hamra, sono uscito per comprare il pane e ho visto un enorme carro armato israeliano. Israele era entrato prima di annunciare il suo ingresso. Poi mi sono ritrovato da solo a vagare per le strade e non vedere altro che carri armati, soldati israeliani e uomini mascherati. Ho avuto giorni difficili, non sapevo dove dormire.

Beirut
La Linea verde di Beirut

Dormivo fuori casa in un ristorante. Avrei chiamato i vicini per chiedere loro se gli israeliani mi stavano cercando. Se avessero detto: “Sì, sono venuti”, mi sarei reso conto che non sarebbero tornati più, quindi sarei tornato a casa, avrei fatto una doccia, mi sarei riposato e poi sarei tornato al ristorante. Cioè, fino al grande disastro, i massacri di Sabra e Shatila, poi ho capito che restare in Libano era assurdo e spericolato.

Lasciare il Libano

“Ho organizzato la partenza con l’ambasciatore libico a Beirut in quel momento. Ha avuto la capacità di portarmi fuori da Al-Ashrafieh, che era controllato dalla milizia, in Siria. Ma doveva trovare un modo per portarmi da casa mia all’ingresso di Al-Ashrafieh. Abbiamo lavorato con un ufficiale libanese, che ha trovato una strada sicura perché c’era un accordo tra gli israeliani e il governo per non attaccare quella strada (l’ormai defunto presidente Shafik Al-Wazzan stava per passare di lì); così abbiamo preso quella strada e siamo usciti da Beirut. Una volta arrivati ​​a Tripoli, siamo andati in un ristorante a mangiare pesce, perché ci eravamo stufati di mangiare cibo in scatola- e dopo essere andato in bagno a lavarmi le mani, mi sono guardato allo specchio e ho visto un naso con gli occhiali. Non ho riconosciuto il proprietario di quella faccia per secondi. Come se stessi guardando quella di un’altra persona faccia. Dopo essere arrivato a Damasco, sono rimasto lì per una settimana. Un incidente divertente è accaduto al confine tra Siria e Libano. L’ufficiale libanese al confine ha chiesto i miei documenti. Portavo un passaporto diplomatico tunisino, scoprì che la mia residenza era conclusa e questo era illegale. Così gli ho detto: “Hai ragione, ma non hai sentito la notizia? Non sai che non abbiamo ambasciate o dipartimenti?”

Darwish

Darwish giunse a Damasco alla fine del 1982 per ospitare un evento serale che si sarebbe tenuto presso l’auditorium dell’Università di Damasco. L’auditorium non aveva spazio sufficiente per il pubblico, quindi gli organizzatori sono stati costretti a spostare il pubblico allo stadio di Assad su autobus pubblici e militari. Il poeta fu sorpreso che il campo e le panchine fossero pieni.

Tunisia e Parigi

Ho lasciato Damasco per la Tunisia, in quel periodo ho visto il presidente Arafat ed i fratelli in una scena tragica. Ho visto la rivoluzione palestinese soggiornare in un hotel in riva al mare. La scena è stata molto dolorosa e ha richiesto la scrittura di un romanzo su questo destino. Ma Arafat ricostruì rapidamente la sua organizzazione. Mi ha detto: “Continua a pubblicare” Al-Karamel “, perché era interessato anche agli affari culturali. Gli ho chiesto: “Dove lo pubblico?”. Ha detto: “Ovunque tu voglia, a Londra, a Parigi, a Cipro …”. Poi sono andato a Cipro per organizzare il rilascio della licenza. “Al-Karamel” è stato pubblicato da Cipro, mentre io l’ho curato da Parigi ed è stato stampato da Nicosia. Il mio aiutante era il grande poeta Salim Barakat. Ha vissuto a Parigi per una decina d’anni, ma in forma itinerante, poiché viaggiava costantemente, ed è rimasto vicino all’OLP in Tunisia.

Mahmoud Darwish
Yasser Arafat e Mahmoud Darwish

“Parigi era una tappa piuttosto che una residenza o un luogo di vita. Non lo so. Ma so che a Parigi è avvenuta la mia nascita completa come poeta. Se dovessi classificare la mia poesia, apprezzo di più la poesia che ho scritto a Parigi negli anni Ottanta e oltre. Lì, ho avuto l’opportunità di riflettere e guardare la patria, il mondo e le cose da lontano, la distanza della luce. Quando vedi da lontano, vedi meglio e vedi tutta la scena. Inoltre, Parigi ispira esteticamente la poesia e la creatività, dove tutto è bello. Anche il suo clima è bellissimo. A Parigi, c’è una descrizione di un giorno d’autunno: “Qualcuno muore in un giorno simile?” E la città di Parigi è anche la città degli scrittori in esilio che vengono da tutto il mondo. Trovi il mondo riassunto in questa città. Ho stretto amicizia con molti scrittori stranieri. Parigi mi ha offerto l’opportunità di dedicare più tempo alla lettura e alla scrittura. Non so davvero se Parigi mi abbia colpito o se a Parigi sia avvenuta una fase di maturità; o forse ogni fattore incoraggiava l’altro? A Parigi, ho pubblicato i libri di poesie Fewer Roses, It’s a Song, Undici Pianeti, I See What I Want, insieme a Perché hai lasciato il cavallo alla sua solitudine? e metà di Il letto della straniera. Ho scritto il testo di Memorie per l’oblio – e lo scopo di questa poesia in prosa era di essere libero dall’impatto di Beirut, dove ho descritto il giorno dell’assedio. La maggior parte dei miei nuovi lavori l’ho scritta a Parigi. Ero libero di scrivere, nonostante fossi eletto membro del Comitato Esecutivo (dell’OLP). A Parigi ho scritto il testo della dichiarazione dello Stato palestinese, e ho scritto molti testi e articoli sul settimanale ‘Al-Youm Al-Sabe’ (il settimo giorno), come se stessi cercando di rimediare al clamore che mi perseguitava in altre città “.

Amman e Ramallah

Dopo fui in grado di tornare in una “parte” della Palestina, ma non nella mia “parte” personale, in una “parte” della patria generale. Ho dibattuto a lungo sulla scelta del ritorno. E sentivo che il mio dovere nazionale e morale non era restare in esilio. Non mi sentirei a mio agio con quello che la gente potrebbe dire se restassi alla larga: direbbero che preferisco Parigi a Ramallah o Gaza. Così ho fatto il secondo passo coraggioso dopo aver lasciato, che è il passo del ritorno. Questi passaggi sono stati due delle cose più difficili che ho incontrato nella mia vita: uscire e tornare. Ho scelto Amman perché era vicina alla Palestina, era una città tranquilla e la sua gente è gentile. Potrei vivere la mia vita, e quando voglio scrivere, sono uscito da Ramallah per approfittare della mia solitudine ad Amman. La tensione è molto alta a Ramallah. E le preoccupazioni della vita nazionale e quotidiana rubano il tempo della scrittura. Trascorro metà del mio tempo a Ramallah e l’altra metà ad Amman, e ho viaggiato un po ‘; a Ramallah, ho supervisionato la pubblicazione della rivista Al-Karmel “.

Mahmoud Darwish
Edward Said e Mahmoud Darwish

Ghanem Zureikat, un amico di Darwish, rivela alcuni dettagli della sua vita: “Mahmoud arrivò ad Amman alla fine del 1995, perché era la città più vicina alla Palestina. All’inizio, quando la leadership palestinese entrò in Palestina, Mahmoud iniziò seriamente a pensare a lasciando Parigi, e le opzioni davanti a lui erano Il Cairo o Amman. Alcuni amici, tra cui il dottor Khaled Karaki, che era il ministro dell’Informazione, lo incoraggiarono e lo accolsero a rimanere ad Amman, e l’idea fu accolta con favore anche al livelli più alti dello stato giordano. Quando Mahmoud arrivò ad Amman, iniziò a pensare di affittare un appartamento modesto, come aveva fatto in Tunisia. Un brav’uomo, un imprenditore giordano di nome Marwan Abdallat, si rifiutò di affittare a Mahmoud Darwish, e giurò più e più volte che l’appartamento era un regalo rifiutandogli così di farglielo pagare, ma Mahmoud ha respinto completamente l’offerta e alla fine ha acquistato la casa al suo costo di produzione, o al prezzo senza profitto. Ha scelto Amman, secondo lui, perché è la città migliore in cui stare da solo, con calma e scrivere, e questa è stata davvero la città che gli ha fornito questa caratteristica. Aveva pochissimi amici lì. Gli piaceva la calma e la facilità di navigazione ed era amico di molte persone dell’Oman, che erano molto gentili con lui “.

Mahmoud Darwish

La sua vita non differiva a Beirut, Parigi e Il Cairo dalla sua vita in Giordania, anche se la caratteristica più importante era che per la maggior parte del tempo Darwish era ad Amman per lavorare sodo. La migliore prova di ciò è quella della sua poesia pubblicata da Dar Riyadh Al Rayes a Beirut: Murale nel 2000, Stato d’assedio nel 2002, Do Not Apologize For What You Did in 2004, Come fiori di mandorlo o più lontano nel 2005, In presenza dell’assenza nel 2006, The Trace of Butterfly nel 2007 — la maggior parte di questi libri di poesie sono stati scritti tra Amman e Ramallah.

La morte

Mahmoud Darwish morì negli Stati Uniti d’America sabato 9 agosto 2008, a seguito di un intervento chirurgico a cuore aperto presso il Memorial Hermann Texas Medical Center di Houston, dopo di che è caduto in coma che lo ha portato alla morte. Non aveva un testamento scritto e non ha detto molto nei suoi ultimi momenti.

Mahmoud Darwish

Il Presidente dell’Autorità Palestinese e Presidente del Comitato Esecutivo dell’OLP, Mahmoud Abbas, ha pianto la scomparsa del “poeta della Palestina”, Mahmoud Darwish. Sono stati dichiarati tre giorni di lutto per tutti i territori palestinesi occupati a piangere per la sua morte, definendo Darwish Ashiq Filistini, (amante dalla Palestina) un “leader del moderno progetto culturale” e un “brillante leader nazionale”. Il corpo di Darwish è stato sepolto il 13 agosto 2008 nella città di Ramallah. È sepolto su un appezzamento di terreno vicino al Palazzo Culturale di Ramallah. Ha ricevuto un funerale di stato, al quale hanno partecipato migliaia di palestinesi e altre personalità e guidato dal presidente Mahmoud Abbas. Il corpo del poeta è stato trasferito a Ramallah dopo essere arrivato ad Amman, dove molte persone del mondo arabo si sono radunate per salutarlo.

Seguiteci sulla nostra pagina facebookSpotifyYouTubeTwitter e Instagram, oppure sul nostro canale Telegram. Ogni like, condivisione o supporto è ben accetto e ci aiuta a dedicarci sempre di più alla nostra passione: raccontare il Medio Oriente.

Leave a Reply

×
×

Cart