Juz 10: aiutati che Dio t’aiuta

This post is also available in: English

Concetto fondamentale nell’Islam è il potere riservato all’essere umano, unico reale artefice del proprio destino. Per cambiare il mondo, però, è necessario cambiare prima il proprio cuore, unico modo per accedere a tratti sconosciuti di sé.

Cambiare sé stessi per cambiare il mondo

Un versetto che mette in luce una profonda verità, molto spesso ignorata nella speranza di un “Dio maggiordomo” che risolva istantaneamente i nostri problemi. Allah, in questo suo passaggio, ci mette invece in mostra il percorso che il credente deve affrontare se vuol davvero trasformare il suo futuro: cambiare interiormente.

juz 10
Juz 10, Surat At Anfaal, vv.53

Sulla questione in molti si sono messi a dibattere, creando un messaggio di fondo tanto potente da attraversare secoli e culture. Come dissero i romani: “errare humanum est perseverare autem diabolicum”, errare è umano, perseverare è diabolico. Questo stesso processo è visibile anche nel versetto, naturalmente qui con uno sfondo di religione che ne eleva il significato. Se si desidera davvero cambiare le proprie sorti, la trasformazione interiore è qualcosa che va accettata e compiuta, costi quel che costi. Richiede naturalmente più sacrificio e fatica di un cambiamento esteriore, i suoi benefici sono però assoluti e duraturi; questo perché al termine saremmo noi per primi ad esser diversi, affrontando i problemi in maniera innovativa e scoprendo nuovi lati di noi stessi. La totale assenza di ipotesi, poi, ci mostra ancor di più quanto questo concetto sia solido e inscalfibile, verità unica ed immutabile per l’umanità intera.

Vuoi seguire le orme del leggendario Ibn Battuta? Scopri qui come fare. Seguiteci sulla nostra pagina facebookSpotifyYouTubeTwitter e Instagram, oppure sul nostro canale Telegram. Ogni like, condivisione o supporto è ben accetto e ci aiuta a dedicarci sempre di più alla nostra passione: raccontare il Medio Oriente.

Lascia un commento

×
×

Carrello