Dabke, la danza della gioia

This post is also available in: English

Oggi vi parliamo della danza per eccellenza in Medio Oriente: il Dabke, una danza dalle origini antiche ma dal cuore caldo e più pulsante che mai.

“Battere i piedi”

Le origini della Dabke sono molto antiche e possono essere ritrovate in parte anche nella parola stessa. In arabo dabka vuol dire “battere i piedi” e si pensa che la sua origine sia associata proprio a questa particolare azione. Secondo una tradizione popolare, infatti, questa danza risale addirittura al tempo dei fenici. Questi costruivano case in pietra e con il tetto in legno, paglia e terra, i quali materiali andavano compattati, appunto, battendo i piedi.

dabke

Con l’arrivo degli arabi questa danza è poi entrata a pieno titolo nelle tradizioni arabe, diffondendosi fino in Egitto e in Turchia. Le varie migrazioni hanno poi portato la Dabke anche in terre lontane, facendola conoscere al mondo intero.

Mille e una varianti di dabka

Proprio perché si basa sul semplice battito di piedi, questo ballo ha subito svariate varianti a seconda dei popoli con cui è entrato in contatto. Parenti della dabka possono essere trovati in Armenia con il kochari, in Grecia con il syrtos e in generale in tutti i Balcani e in Israele con la hora. Inoltre esistono anche modi diversi di danzarla, la Giordania ad esempio può contare su ben 19 varianti in base a numero di passi o occasione.

dabke

La Dabka è comunque associata sopratutto ad occasioni come matrimoni o circoncisioni, momenti in cui questo ballo può essere vissuto alla massima potenza. Su questa danza è naturalmente nato un intero genere musicale, diffuso sopratutto nei territori dello Shami (Libano, Palestina, Giordania e Siria). È caratterizzato dalla presenza molto marcata di strumenti quali la darbuka, una strumento a percussione tipico di tutta l’Asia, e da un canto molto ritmato, utile appunto per battere i piedi.

Da venerdì 1 al 8 marzo, la nostra programmazione avrà come tema “Le grandi donne”, preparatevi a scoprire incredibili guerriere, capaci di scrivere da sole la loro storia. Seguiteci sulla nostra pagina facebookYouTube e Instagram, ogni like, condivisione o supporto è ben accetto e ci aiuta a dedicarci sempre di più alla nostra passione: raccontare il Medio Oriente.

Lascia un commento

×
×

Carrello