Omar Offendum, rap e poesia

This post is also available in: English

Al giorno d’oggi sono in pochi i rapper ancora in grado di coinvolgere con testi densi di significato, attuali e che aspirino a più di quante donne il rapper si è portato a letto. Omar Offendum è questo e molto di più.

Omar Offendum, una storia dietro

La prima caratteristica di un rapper è di essere qualcuno, senza una storia tutti i pezzi sono semplice esercizio vocale, tanto banali quanto poco utili. La storia di Omar al contrario è una delle più particolari mai sentite. Nasce nel 1981 in Arabia Saudita da una famiglia siriana, la quale, quando Omar è ancora giovane, si trasferisce a Washington negli Usa. Viene allora mandato a studiare prima alla Islamic Saudi Accademy e poi alla University of Virginia School of Architecture, dal 2003 si trasferisce a Los Angeles per lavorare come architetto, cantante e poeta. Niente male direi.

5c1284586303a4e8991d268c1e608aa3-023281085935732498430.jpeg

I pezzi

Anche in questo Omar Offendum risulta  essere uno dei soggetti più interessanti dell’intero panorama musicale arabo-americano. Nel 2010 lancia il suo primo album su Spotify: Syrianamericana, ancora oggi uno dei pochi album dove TUTTE le canzoni funzionano e puntano a raccontare oltre ad intrattenere. I temi sono più vari perchè Omar parla della sua storia e di quella vissuta da chi ha attorno. In Destiny, ad esempio, il tema principale è l’immigrazione e il difficile conflitto fra l’anima più orientale e quella più occidentale:

Its hard livin in the West – when I know the East got the best of me

In “Damascus” invece riflette sulle condizioni della Siria e in “Mother’s Day” cita Umm Kulthum e in “Superhero” parla di un “supereroe arabo” e di quello che servirebbe alla sua comunità per riuscire a rialzarsi.

screen-shot-2018-02-13-at-68621646223971496929.jpeg

Abilità musicale

I pezzi di Omar Offendum però non sono però solo bei testi, il sound è americano fino nel midollo e ricorda molto il rap old school ma con delle coriste incredibili e una certa variazione di ritmo e di strumenti. La sua abilità nel parlare, in inglese prima e in arabo poi, mantenendo in entrambe il ritmo giusto, è da applausi. Ricordo quando iniziai ad ascoltarlo: ero ad un centro accoglienza con degli amici che lavoravano lì, appena misi Omar tutti i ragazzi del centro iniziarono subito a far palestra, riscaldati dal ritmo e dal fatto di mischiare Est e Ovest, arabo e americano.

Omar Offendum è un rapper che può piacere o meno ma sicuramente non può essere ignorato. La sua storia e la sua abilità lo rendono al giorno d’oggi uno dei pochi esempi di rapper artista ancora presenti in giro. Leggendario.

Vuoi seguire le orme del leggendario Ibn Battuta? Scopri qui come fare. Seguiteci sulla nostra pagina facebookSpotifyYouTubeTwitter e Instagram, oppure sul nostro canale Telegram. Ogni like, condivisione o supporto è ben accetto e ci aiuta a dedicarci sempre di più alla nostra passione: raccontare il Medio Oriente.

Lascia un commento

×
×

Carrello