Atif Aslam, la superstar Pakistana

This post is also available in: English

Ci sono alcuni cantanti in grado di ridare vita a qualcosa che sembrava ormai seppellito sotto la sabbia. Atif Aslam è uno di questi ma la sua non è sabbia bensì purissima polvere dell’Hindukush.

Star

Atif Aslam nasce nel 1983 a Wazirabad, piccola città del Punjabi al confine con l’India. In pochi potrebbero immaginare che quel ragazzino sarebbe mai potuto diventare uno dei cantanti simbolo del nuovo Pakistan. A 21 rilascia il primo album, Jal Pari, “sirena” che diventerà presto una hit dell’intero subcontinente indiano, riuscendo a coinvolgere tutti gli abitanti dell’ex India Britannica. Il successo non si fa attendere e dal 2005 è nel giro di Bollywood per la quale ha scritto diverse colonne sonore e recitato anche nel film Bol del 2011. La carriera musicale intanto avanza un successo dopo l’altro e nel 2008 è la volta del ‘primo tour negli States, uno dei più grandi successi di sempre per un cantante pakistano.

Innovatore

La chiave del successo di Atif è nello stile. È infatti il primo ad introdurre una nuova maniera di pensare musica nel suo paese. Prima dovevi decidere: canti all’occidentale, per Bollywood o la musica Sufi, tutte e 3 insieme non possibile. Atif ha dimostrato che nella musica, la commistione di stili paga. Nelle sue musiche c’è tutto quello che non era possibile mischiare:

  • Le melodie sono abbastanza semplici ed immediate anche per chi non ne capisce di musica indiana, con toni occidentali sia come presentazione che come disposizione.

  • Ovviamente ci sono tutte le caratteristiche della musica indiana più popolare: ritornelli, una dolcezza a volte esasperata e una dinamica dei video presa a piene mani da Bollywood. È quel senso di trash che gli occidentali tanto cercano nella musica indiana, tanto ingenuo quanto particolare ai nostri occhi.

  • L’ultimo aspetto è la parte sufi, forse la più velata della sua musica. Atif Aslam è musulmano, e dal nome si vede, non solo, è nato in una delle parti del mondo dove il sufismo si è più affermato, portato a riflettere sulla sua presenza nel continente dei mille dei. La musica sufi è ciò che molti pakistani utilizzano per riflettere e giungere a livelli di meditazione mai vista prima. Parte della musica di Atif va in quella direzione, non tutta però. D’altronde sarebbe stupido gettare subito tutte le perle più belle. I suoi pezzi con questo stampo sono però che, a mio gusto, vale davvero la pena di ascoltare. Aslam non ne porta molta molte ma quelle che fa sono da ascoltare a tarda notte, sdraiati sul letto a riflettere.

Atif Aslam è uno dei cantanti più popolari del Pakistan ma è anche uno dei pochi che ha saputo rendere la sua musica universale, aprendosi per la prima volta a 3 strade e a 3 culture. Se siete curiosi di approfondire la musica indiana non potete fare a meno di lui.

Vuoi seguire le orme del leggendario Ibn Battuta? Scopri qui come fare. Seguiteci sulla nostra pagina facebookSpotifyYouTubeTwitter e Instagram, oppure sul nostro canale Telegram. Ogni like, condivisione o supporto è ben accetto e ci aiuta a dedicarci sempre di più alla nostra passione: raccontare il Medio Oriente.

Lascia un commento

×
×

Carrello