Buzkashi, competizione ancestrale

Vi presentiamo il Buzkashi, uno degli sport tutt’ora più amati in Asia Centrale e che, in un certo senso, ne racconta la storia. Antico progenitore del polo, questo gioco vi aprirà ad un mondo lontano, che resiste con orgoglio alla prova del tempo.

Il gioco dei turchi

Il Buzkashi venne portato in Asia Centrale dalle varie migrazioni di popoli nomadi turchi che lì si stanziarono. Il nome del gioco significa letteralmente “acchiappa la capra” e spiega perfettamente scopo e modalità. Questo sport consiste infatti nel trascinare una carcassa di capra (meglio se di vitello per la consistenza della carne) a bordo di cavalli, puntando o a seminare i rivali o a lanciarla in un’area definita. Il tutto in 2 formazioni composte entrambe da 5 cahapandoz, “cavalieri”.

buzkashi

Sport nazionale di paesi come Kazakistan, Kirghizistan e Tajikistan, venne proibito in Afghanistan con l’arrivo dei talebani ma una volta spodestati il gioco ha subito ripreso ad essere praticato.

Ritorno alle basi

Per lunghissimo tempo il buzkashi non ha goduto di una vera e propria regolamentazione, facendo sì che in molte gare gli atleti subissero gravi e pesanti infortuni. La situazione si è però trasformata di recente, fornendo a questo sport un regolamento semplice ma chiaro che ha permesso al gioco il salto ufficiale nel professionismo. Sia chiaro: la carcassa rimane sempre, però le regole lo hanno modernizzato moltissimo, rendendolo più chiaro e sicuro.

buzkashi

Grazie a quest’ultime, infatti, il buzkashi si svolge in tempi definiti (in Afghanistan 2 tempi da 45 minuti), non è più permesso colpire volutamente gli avversari ed è stata introdotta la figura dell’arbitro. Il gioco resta tuttavia una delle più belle rappresentazioni dei tempi che furono, custoditi gelosamente in queste aree del mondo. Con questo sport è possibile rivivere la magia ancestrale dei nostri antenati, innamorati del proprio cavallo e del vento fra i capelli, gioiosi dello scontro in ogni sua forma.

Seguiteci sulla nostra pagina facebookYouTube e Instagram, oppure partecipate su il nostro canale Telegram. Ogni like, condivisione o supporto è ben accetto e ci aiuta a dedicarci sempre di più alla nostra passione: raccontare il Medio Oriente. Leggi l’articolo anche su Sport Tribune.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close