Il calcio in “Timbuktu”

Raramente vi parliamo più volte di un film ma con “Timbuktu” era davvero impossibile evitarlo. Ecco a voi 3 delle scene più belle di questo film, in cui il calcio assume un vero e proprio valore universale.

La partita immaginaria

Probabilmente la scena più geniale dell’intero film, nel quale traspare tutta la gioia per questo incredibile gioco. Una volta arrivati a Timbuktu, i novelli Boko Haram si occuperanno fin da subito di proibire il calcio, eliminando ogni pallone della città e bloccando una partita in corso. I ragazzi allora continueranno a giocare, questa volta però senza palla, tanto stregati da questo sport da non lasciarlo per nulla al mondo.

Timbuktu

Altra cosa incredibile di questa scena è l’onestà con la quale queste squadre continueranno ad affrontarsi. All’interno del match vi saranno anche diversi goal clamorosi, invisibili a chi non ha negli occhi l’amore per il calcio.

Morire per un pallone

In questa scena i terroristi scoprono che c’è ancora un pallone in città e che il suo proprietario ne è un fierissimo possessore. La sua convinzione farà allora infuriare gli estremisti che lo porteranno allora in tribunale, chiedendogli ancora una volta se fosse ignorante delle leggi, ricevendo allora un “si” deciso. La condanna sarà allora pubblica e pesantissima, trasformando il “colpevole” in un vero e proprio martire del calcio.

Timbuktu
“Morire per un pallone”

Una piccola storia che mostra ancora una volta il valore di questo “sport” dall’altra parte del mediterraneo, unica fonte reale di svago per il popolo, a lui legato fino alla morte. Il protagonista sa benissimo quello che lo attende per aver disobbedito ai comandi e sa anche che basterebbe davvero poco per soddisfare questi “giustizieri neri”, ma non può. Il calcio è la sua fonte di svago e di libertà, come potrebbe mai sopravvivere a lungo nel deserto? La decisione per lui più sana non può che essere, seppur con sano terrore, quella di accettare la pena e confidare nel Giustiziere supremo.

Zidane e chiacchiere fra terroristi

Concludiamo con forse la scena più paradossale dell’intero film e che riesce, con una naturalezza sconfortante, a mostrare la banalità del male e il potere del calcio. Verremo infatti catapultati non solo nelle vicende personali degli abitanti autoctoni, ma anche in quelle dei terroristi, scoprendone l’assoluta umanità. Questi non stanno discutendo di versetti particolari né di particolare violenza ma su Zidane e la nazionale francese.

Timbuktu
Uno dei due foreign fighters

Proprio il calcio è scelto come strumento dal regista per far emergere il lato più umano di ognuno di noi, ponendo il calcio come valore universale impossibile da estirpare, perfino nei cuori di coloro che paiono perduti.

Seguiteci sulla nostra pagina facebookYouTube e Instagram, oppure partecipate su il nostro canale Telegram. Ogni like, condivisione o supporto è ben accetto e ci aiuta a dedicarci sempre di più alla nostra passione: raccontare il Medio Oriente. Leggi l’articolo anche su Sport Tribune.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close