Omicidio al Cairo

Un noire ambientato al Cairo durante il gennaio 2011, pochi giorni prima della Rivoluzione egiziana. Un film che ci mostra una città fremente e tossica, vista però dagli occhi di Noredin un poliziotto corrotto con un caso da risolvere.

Omicidio al Cairo

Noredin Mustafa è un detective corrotto della polizia de Il Cairo. Sta seguendo il caso di una cantante trovata uccisa in una stanza dell’hotel Nile Hilton, e ben presto scopre la relazione segreta della donna con il proprietario dell’albergo, ricco imprenditore e membro del parlamento.

Omicidio al Cairo
Salwa, la cameriera sudanese

Durante la ricerca dell’unico testimone, una cameriera sudanese senza permesso di soggiorno, a Noredin viene brutalmente ordinato di archiviare il caso. Il detective tuttavia non demorde e l’indagine conduce ad un’élite di “intoccabili” che gestisce il paese, immune alla giustizia…

Noire

Il film è un bell’esempio di come generi tipici di terre tanto lontane, si sappiano adattare anche in altre parti di mondo, mettendo in luce le proprie peculiarità. In “Omicidio al Cairo” a far da padrone è forse l’omertà, mostrata in tutta la sua vastità. Si ha sempre la sensazione che la città in realtà abbia già risolto il mistero, tutti sanno ma nessuno parla. Omicidio al Cairo

Unico “eroe” è un improbabile poliziotto corrotto e tossico, l’uomo perfetto per casi di questo tipo. La performance dell’attore Fares Fares è indubitabilmente uno dei motivi più interessanti per vedere questo film. L’attore riesce a calarsi completamente nella parte, assumendo quell’aria tossica e sporca tipica della periferia cairota.

Un Egitto tossico e bollente

Il film si svolge nel gennaio 2011, fra lo scoppio delle rivolte tunisine e quelle egiziane. Il clima pre-rivoltoso si respira per tutta la pellicola ma come sottofondo il regista in questo fa un lavoro magistrale nel riuscire comunque a concentrare l’attenzione su Noredin. Questo ci consente di immergerci davvero nella situazione politica di quell’anno, potendo contare sullo sguardo di chi, in un certo senso, tale rivolta l’ha causata.Omicidio al Cairo

Il film infatti mostra apertamente spari della polizia sulla folla, tortura (anche se mai mostrata “in corso”) e corruzione, permettendo allo spettatore di capire le cause della Primavera araba in Egitto. Resa benissimo è anche l’omertà di tutti coloro che nel film hanno a che fare con Noredin, sempre pronti ad abbassare la testa quando capiscono il suo ruolo. Non vi spoileriamo il finale perchè è anche quello una sorpresa ma vi possiamo anticipare che il messaggio è pesante.

Consigliatissimo agli amanti del noire e a chi è curioso di conoscere meglio la “Primavera araba”, il film lo abbiamo visto su Sky ma potrebbe esserci anche su Netflix. Seguiteci sulla nostra pagina facebookYouTube e Instagram, ogni like, condivisione o supporto è ben accetto e ci aiuta a dedicarci sempre di più alla nostra passione: raccontare il Medio Oriente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close